04/10/2010

DESARIO E SARRI, OSTIA PROTAGONISTA NELL'EDITORIA

Inserito in: Archivio

Ostia fucina di cultura. Libri, romanzi, poesie e tanti altri interessanti prodotti d'ingegno, nati o ambientati a Ostia, si stanno avvicendando nelle librerie d'Italia, dove stanno riscuotendo grandi successi editoriali. Tra questi ricordiamo certamente la prima opera di Davide Desario, giornalista de Il Messaggero, nato e cresciuto a Ostia, dalla quale si è ispirato per il suo romanzo “Storie bastarde”: una raccolta di racconti su un'Ostia che non c'è più, dura, cruda ma anche ricca di solidarietà e amicizia, quella vera, la vita vissuta nelle strade con gli amici di sempre, alcuni dei quali poi sono riusciti a vincere, mentre altri hanno trovato la sfortuna sulla propria via. Il libro è stato presentato a Cineland nelle scorse settimane e ora Desario sta diffondendo anche a Roma la sua opera prima.

Anche la giornalista Barbara Sarri, legata a Ostia per esserci vissuta e per aver qui creato la sua prima rivista (Bambino sarai Tu!), è stata mossa da questo legame per raccontare la storia di una donna che rappresenta il mondo femminile delle single di oggi, ambientando il romanzo naturalmente sul mare di Roma. Anche l'opera di Barbara Sarri, edita dalla casa editrice Robin, dal 30 settembre in libreria, già sta riscuotendo importanti risultati di vendite e ottime critiche. “Siamo un pò come le matriosche, noi donne, ci confondiamo una dentro l’altra cambiando nel tempo. La domanda è quante Regine ci sono ancora da scoprire”. Racconta Regina la protagonista del libro. Regina ha trentasette anni, fa la segretaria e vive sola in un monolocale di Ostia.

Esce da una convivenza di qualche anno e passa il suo tempo libero con l'amica del cuore alla quale confida ogni cosa; ha poche ambizioni e tanti sogni. È una donna come molte altre e molte infatti saranno quelle che si specchieranno in lei entrando nelle pagine di questo libro; nelle sue insicurezze e nelle sue paure, nei suoi desideri e soprattutto nei confini emozionali da attraversare. Il mare di Roma è il quieto, a volte aggressivo, ma sempre presente compagno delle sue avventure. Il romanzo della Sarri è stato patrocinato dalle Biblioteche di Roma, dal Comune di Pisa e dal Comune di Casciana Terme.

La bellissima copertina è un'opera grafica di Giuseppe Benci. La prefazione è di Mirella Delfini.

Critiche:

“La storia di una donna in una Roma meravigliosa ma immensa che lascia vuoti al cuore. Le vicende di Regina coinvolgono tutti noi, e ci fanno assaporare la passione e la purezza di una single di oggi.” Franco di Mare

”Barbara Sarri nasce come poetessa e in questo libro si coglie ad ogni riga la sua primitiva vocazione. Benché la protagonista si misuri con scogli e risacche che appartengono a quasi tutti i destini femminili, benché la prosa sia scarna e asciutta, fra le pagine del suo romanzo, profondo e avvincente, circola molta, moltissima poesia.” Patrizia Carrano

BIOGRAFIA: Barbara Sarri esordisce nel 1999 con l' Antologia di Penne Arrabbiate “La consistenza” (casa editrice Jaca Book). Nel 2001 vince il Premio Talent Scout Equilibri e pubblica il suo primo romanzo “Ritratto di scuderia. Un lavoro da uomo”. Nel 2005 pubblica il romanzo “Sipario a tre tempi” (casa editrice Equitare, Premio Internazionale Anco Marzio “Un libro per voi”) nel 2006 pubblica la silloge di poesia “Una stanza fuori” (Zona editore). Nel Marzo 2007 viene eletta “Donna dell’anno” per la sezione cultura dal Tredicesimo Municipio del Comune di Roma.

Nel 2008 redige con la scrittrice e giornalista Mirella Delfini una pubblicazione a distribuzione gratuita dedicata ai piccoli e al mondo naturale “Bambino sarai tu!” della quale è anche editore. Collabora con varie testate giornalistiche.

Per conoscere meglio Barbara Sarri:

www.barbarasarri.com

www.barbarasarri.blogspot.com

 
Autore: redazione
Commenta l'articolo
Username
Email
Web
Voto (1) (10)
Commento
Codice Sicurezza
Digitare Codice Sicurezza
  Invia

I VOSTRI COMMENTI

Seguici su Facebook
© Copyright OstiaTV S.r.l. Ostia TV News iscr. trib. di Roma n° 197/2010 - direttore responsabile: Silvia Tocci