21/11/2022

Champions League pallanuoto femminile, la Sis Roma vince in Francia

Inserito in: Sport
A Mulhouse le romane hanno ottenuto 12 punti in 4 gare realizzando 75 reti. Coach Capanna: “Squadra matura, intensa e con maggiore spessore europeo”. Mercoledì a Bogliasco torna il campionato

Infernetto - La SIS Roma è promossa a pieni voti dalla trasferta francese a Mulhouse, nel girone D di qualificazione della Len Champions League di pallanuoto femminile, dove ha concluso al primo posto ed a punteggio pieno con 75 reti realizzate e 29 subite, nonostante la presenza delle ungheresi del Dunjavaros e le greche dell’Ethnikos, vincitrici della Coppa Len Euro League.

Una marcia “trionfale”, iniziata all’esordio il 17 novembre con una netta affermazione ai danni dell’Ethnikos (16-10) e conclusa oggi, 20 novembre, con la goleada (21-4) nei confronti delle coraggiose francesi padrone di casa. Nel mezzo c’è la vittoria con le tedesche dello Spandau Berlin (23-5) e con le ungheresi del Dunjavaros (15-10). Protagonista assoluta di questa fase della Champions è stata la capitana della SIS Domitilla Picozzi, autrice di 15 reti e trascinatrice delle giallorosse, una prestazione maiuscola della studentessa di medicina romana, impreziosita da sei marcature nella gara con le tedesche. Sugli scudi anche Chiara Ranalli (9 reti), Agnese Cocchiere e Chiara Tabani (6 reti), Cecilia Nardini, Giuditta Galardi e Sofia Giustini (5 reti), ma la “sorpresa”, se così si può dire, sono state le ragazzine terribili promosse quest’anno in prima squadra: bene hanno fatto anche Lavinia Papi, Andreacarola Aprea e Giorgia Galbani.

Un discorso a parte lo meritano la stessa Chiara Ranalli, Luna di Claudio, la portiera Emalia Mist Eichelberger ed Abby Elizabeth Andrews, la fortissima australiana, che si è messa subito al servizio della squadra: stanno crescendo tutte giorno dopo giorno. Per Marco Capanna, atteso da un girone difficile, sono arrivate le conferme che tutto il team è sulla strada buona, la SIS Roma appare più matura, più determinata, in campionato ha iniziato con il vento in poppa, prendendo subito la testa della classifica appaiata al Padova, in Coppa Italia a Firenze è passata senza fatica e patemi, in Champion League ha avuto le conferme sperate.

“Abbiamo iniziato bene, battendo le fortissime greche dell’Ethnikos che lo scorso anno ad Atene ci avevano battuto nella seconda fase della Coppa. E’ stata una buona partita. All’inizio è affiorata anche un po’ di emozione. Il risultato finale non è stato mai in discussione, su quattro tempi abbiamo ceduto solo nel terzo ma eravamo in netto vantaggio (9-5). Siamo entrati nel modo giusto nella competizione, una partenza che ha fatto morale ed ha dato convinzione. Poi, dopo il riposo, il doppio match (sabato 19 novembre) con tedesche ed ungheresi. Con lo Spandau si è visto subito un grande divario in acqua, era evidente la differenza qualitativa fra le due formazioni. In assoluto è stato buono l’esordio di Aprea e Galbani in Champions, ma avevamo la testa già alla partita con le ungheresi. L’obiettivo prima del match con il Dunaujavaros era di guadagnare (in caso di vittoria) con un turno d’anticipo il primo posto in classifica. La squadra ha dato il massimo, ho fatto i complimenti alle ragazze per come hanno gestito il match, per il controllo ed il sacrificio mostrato in acqua, davvero una prova maiuscola, necessaria, però, a battere le fortissime magiare. E’ un risultato importante
– continua Capannache ci ha dato continuità e spessore anche a livello Europeo. L’ultima partita con le padrone di casa del Mulhouse è stata la degna conclusione, con una prestazione da squadra intensa, seria e concentrata. Un giorno di riposo e mercoledì prossimo torna il campionato con il recupero dell’importante partita a Bogliasco. Le ragazze, in questi 3 giorni sono state davvero brave”.

Giovedì 17 novembre
ETHNIKOS - SIS ROMA 10 - 16 (4-6, 1-3, 3-2, 2-5)
Ethnikos: Sotireli, Karampetsou 2, Borisova 2 (1 rig.), Laskaridou, Kontoni 2, Katsimpiri, Chatzikyriakaki, A. Benekou, Rakintzi, Kanetidou 1, I. Benekou, C. Andrews 3, Bekri.
SIS Roma: Eichelberger, Misiti, Galardi 1, Carosi 1, Giustini 1, Ranalli 3 (1 rig.), Picozzi 3, Tabani 3, Nardini 1, Di Claudio, A. Cocchiere 1, A. Andrews 2, Galbani. All. Capanna Arbitri: Rakovic (Srb) e Alves (Por) Superiorità numeriche: Ethnikos 6/10, SIS Roma 6/8. Rigori: Ethnikos 1/1, SIS Roma 1/1

Venerdì 19 novembre
SPANDAU BERLIN - SIS ROMA 5 - 23 (1-8, 3-4, 1-8, 0-3)
Spandau: J. Milicich, E. Koch, M. Linder, I. Deike, K. Cepicka, N. Busauerova, N. Zelmer, U. Doerries, D. Czirbus, A. Rieck, E. Houghton 3, M. Tutusaus Alcaraz 2
SIS Roma: E. Eichelberger, A. Aprea 1, G. Galardi 3, L. Papi 1, S. Giustini 2, C. Ranalli 3, D. Piccozi 6, C. Tabani, C. Nardini 3, L. Di Claudio, A. Cocchiere 3, A. Andrews 1, G. Galbani DUNAUJVAROS - SIS ROMA 10 - 15 (2-7, 2-0, 2-4, 4-4) DFVE: L. Maczko, D. Kardos, N. Sajben 1, D. Dobi, B. Horvath 2, G. Mahieu, N. Szabo, K. Garda 4, A. Mandula 2, L. Kardos, L. Somogyvari, N. Sumegi 1, L. Aarts SIS Roma: E. Eichelberger, M. Msiti, G. Galardi 2, S. Carosi, S. Giustini, C. Ranalli 2, D. Picozzi 4, C. Tabani 3, C. Nardini, L. Di Claudio, A. Cocchiere 2, A. Andrews 2, G. Galbani

Domenica 20 novembre
MULHOUSE – SIS ROMA 4 - 21 (2-7, 0-3, 1-3, 1-8)
Mulhouse: L. Cruz, M. Le Roux 1, A. Battu, L. Forgacs, V. Heurtaux, L. Jean Michel, K. Mihaly 2, C. Bouloukbachi 1, L. Andres, V. Kretzmann-Bahia, T. Raspo, A. Daule, R. Edgerton SIS Roma: E, Eichelberger, M. Misiti 2, G. Galardi 1, L. Papi, S. Giustini 3, C. Ranalli 4, D. Picozzi 2, C. Tabani 1, C. Nardini 2, L. Di Claudio 1, A. Cocchiere 1, A. Andrews 4, G. Galbani
Autore: Maria Grazia Stella
Commenta l'articolo
Username
Email
Web
Voto (1) (10)
Commento
Codice Sicurezza
Digitare Codice Sicurezza
  Invia

I VOSTRI COMMENTI
© Copyright OstiaTV S.r.l. Ostia TV News iscr. trib. di Roma n° 197/2010 - direttore responsabile: Silvia Tocci