10/07/2014

Ostia, Associazione Teatro del Lido: “Sostegno per occupazione Valle”

Inserito in: Teatro
“Percepire l’occupazione dello storico stabile romano come atto di illegalità vuol dire scegliere di non comprendere l’esigenza che migliaia di operatori e operatrici culturali, artisti, cittadini di Roma hanno voluto esprimere supportando un progetto di cambiamento radicale, dal basso, delle politiche culturali e sociali del sistema teatrale romano e nazionale”

Ostia – Riceviamo e pubblichiamo il comunicato dell’Associazione Teatro del Lido di Ostia a sostegno dell’occupazione del Teatro Valle di Roma:

 

“Percepire l’occupazione del Teatro Valle come atto di illegalità vuol dire scegliere di non comprendere l’esigenza che migliaia di operatori e operatrici culturali, artisti/e, cittadini/e di Roma hanno voluto esprimere supportando un progetto di cambiamento radicale, dal basso, delle politiche culturali e sociali del sistema teatrale romano e nazionale. Ci rifiutiamo di credere che quest'amministrazione sia talmente sorda da non percepire il grido che negli ultimi anni, da vari quadranti della nostra città e del nostro paese,  è stato costantemente lanciato per denunciare il veloce decadimento delle politiche socio/culturali e l'impoverimento generazionale delle sale teatrali. Allo stesso tempo non comprendiamo come si possa essere, da anni, così ciechi di fronte all'esigenza diffusa e condivisa di un senso d’appartenenza rispetto ai luoghi di aggregazione culturale, che dovrebbero rappresentare una risorsa sociale, economica e creativa per tutti/e i cittadini e le cittadine, a partire dalle politiche sull’accessibilità dei prezzi.

Le molteplici esperienze di autogestione che sono nate negli ultimi anni nella città di Roma dovrebbero rappresentare uno stimolo costruttivo per le istituzioni che la governano. Gli occupanti altro non sono che liberi/e cittadini/e che hanno messo a disposizione il proprio tempo, le energie, le prospettive, le visioni, e, in alcuni casi, le proprie fedine penali, a tutela di un modello culturale alternativo e sostenibile non solo per se stessi in quanto lavoratori e lavoratrici dello spettacolo e operatori/operatrici culturali, ma soprattutto per la propria città in quanto comunità alla continua ricerca di un'identità culturale viva e partecipata. Perché allora strumentalizzare questa passione genuina definendola illegale? Cosa avrebbero dovuto fare quei cittadini e quelle cittadine per arrestare quella triste deriva se non prendere in mano il proprio destino e lottare per difendere quello in cui credono?  Il Teatro del Lido di Ostia auspica che le istituzioni riprendano il dialogo interrotto con la comunità cittadina del Teatro Valle, per la costruzione di un percorso comune che porti all’individuazione di un modello di gestione condiviso, ma soprattutto si augura che questo rappresenti la soluzione migliore per tutti/e i/le cittadini/e della capitale”.

Associazione Teatro del Lido di Ostia.

 
Autore: Maria Grazia Stella
Commenta l'articolo
Username
Email
Web
Voto (1) (10)
Commento
Codice Sicurezza
Digitare Codice Sicurezza
  Invia

I VOSTRI COMMENTI
© Copyright OstiaTV S.r.l. Ostia TV News iscr. trib. di Roma n° 197/2010 - direttore responsabile: Silvia Tocci