10/10/2009

MONDIALI DI NUOTO, PERAZZOLO SCENDE DAL ROMA TEAM MA PROMETTE BATTAGLIA

Inserito in: Archivio

Dopo aver passato un’intera giornata sul tetto del circolo Roma Team al Torrino Maurizio Perazzolo, uno dei soci fondatori, ieri sera alle 21 e 30 alla fine è sceso sospendendo per il momento la protesta. Perazzolo però ha promesso che la battaglia contro i sigilli posti dalla Procura, per presunti abusi edilizi, continuerà. Sulla struttura di via Cina insieme a lui hanno protestato altri quattro lavoratori dell’impianto, costruito per i Mondiali di nuoto 2009. “Non mi arrendo – ha detto Perazzolo – perché la chiusura di questi impianti significa aver creato un danno gravissimo all'intera collettività. Per questo inoltre chiedo a tutta Roma di costituirsi parte civile. Qui infatti si tratta di risolvere una situazione che riguarda ben 1.500 lavoratori, 30mila iscritti e naturalmente gli imprenditori che hanno investito 200 milioni di euro. Ora – ha continuato Perazzolo - il sindaco si incontrerà con il Capo della Procura di Roma per chiedere l’utilizzo delle strutture, ma nel frattempo noi restiamo senza solvibilità perché ovviamente le banche hanno fermato le fideiussoni”.

Il punto di vista dei gestori invece sarà espresso in una conferenza stampa che si terrà lunedì prossimo alle 15,30 nella sede del XII municipio, alla quale dovrebbe partecipare anche Gianni Malagò.

 
Autore: redazione
Commenta l'articolo
Username
Email
Web
Voto (1) (10)
Commento
Codice Sicurezza
Digitare Codice Sicurezza
  Invia

Commento di Loris Burgio


Perazzolo si lancia dal tetto del Torrino ... verso le regionali del LAZIO

In febbraio 2009 Maurizio Perazzolo perde le rielezioni a presidente della FIDIS; pochi giorni dopo, una sua dipendente iscritta FIDIS, presenta un ricorso per non essere stata informata delle elezioni e Perazzolo vede la commissione interna riassegnargli la presidenza per attivare nuove elezioni entro 50 gg ... ne trascorrono più di 60 (fuori termine) e Perazzolo "screma" 150 soci sui 600 iscritti e si fa rieleggere presidente FIDIS. A ciò seguono decine di ricorsi (la volta precedente ne era stato presentato uno solo da una dipendente!) e la commissione interna lascia scadere i termini di 90 gg senza deliberare nulla! (la volta precedente in una settimana tutto era stato invalidato!!)
Ora la situazione è al vaglio della Commissione di Appello Nazionale della FIDIS ed il presidente eletto in febbraio (Giorgio GIBERTINI) ha attivato una procedura presso la Terza Sezione del Tribunale Civile di Roma.
L'occasione dei sequestri è certamente una ottima ribalta per Maurizio Perazzolo che la sta sfruttando per fini elettorali (si candiderà alle prossime regionali in Lazio... a pensar male si fa peccato ma spesso non si sbaglia) e la minaccia di lanciarsi dal tetto dell'impianto sequestrato darà allo stesso una visibilità insperata .... Con quello che ha combinato in una federazione sportiva, mi chiedo, cosa potrà combinare in regione Lazio? .....

10/10/2009 20:28

I VOSTRI COMMENTI
Seguici su Facebook
© Copyright OstiaTV S.r.l. Ostia TV News iscr. trib. di Roma n° 197/2010 - direttore responsabile: Silvia Tocci