09/09/2011

LA MOSTRA DI PITTURA DEL MAESTRO MARIO ROSATI "RICORDANDO PASOLINI" PRESSO IL CHM LIPU OSTIA

Inserito in: Archivio

Avrà luogo dal 15 al 25 settembre 2011, presso il Centro Habitat Medterraneo LIPU Ostia, la mostra di pittura del Maestro Mario Rosati dal titolo "Ricordando Pasolini".

L'evento, organizzato da I Parchi Letterari Pier Paolo Pasolini ed ad ingresso libero, prevede l'esposizione di 26 opere pittoriche realizzate tra il 1982 ed il 2011 dall'artista romano, autore del monumento dedicato a Pasolini, ora incluso all'interno dell'area protetta della LIPU.

L'inaugurazione avrà luogo Giovedì 15 settembre, alle ore 18.00, presso il Centro visite Mario Pastore del CHM LIPU di Ostia, sito nel parcheggio del Porto Turistico di Roma, con ingresso da Via dell'Idroscalo.

Note sull'autore

Il 2 novembre del 1975, giorno dei morti, in uno squallido sterrano non lontano dal mare, adiacente ad una baraccopoli dell'Idroscalo di Ostia, viene trovato il corpo martoriato di Pier Paolo Pasolini; aveva 53 anni.

Scrittore, regista, poeta, giornalista, un intellettuale che dava scandalo per la cultura dell'epoca, di una personalità unica e certamente irripetibile.

Del suo assasssinio viene accusato un ragazzo diciassettenne di borgata. Sembra strano che il delitto sia consumato così brutalmente da uno di quei "ragazzi di vita" di cui Pasolini aveva tanto parlato e scritto. Le cronache lasciarono intravedere che fu un delitto tra omosessuali. Il poeta non aveva mai fatto mistero della sua omosessualità., pur rifuggendo con cura gli orpettli dannunziani ed estetizzanti di cui la cultura gay amava ornarsi.Il giorno del delitto il giovane assassino non era solo, assieme a lui sicuramente c'erano altri ragazzi di vita, legati a quel mondo della malavita che non amava Pasolini, per la sua diversità, le sue posizioni politiche e la sua capacità di essere controcorrente. Altri ipotizzano che quello di Pasolini sia stato un delitto su commissione perchè giudicato nemico del potere politico.

Sono passati 36 anni dalla sua tragica morte e forse, come accade spesso nella storia dell'uomo, chissà se sapremo mai la veritò.

Pier Paolo continua a vivere nelle opere che ci ha lasciato, dando espressione alla sua coerenza, diversità e genialità artistica.

Trasmetto, inoltre, la mia testimonianza, da artista, che ha avuto la fortuna di conoscere Pier Paolo quando ancora, ragazzo "di vita", lo incontravo nelle borgate romane e poi, in occasione delle varie partite di calcio al campo sportivo "San Galli" di Torpignattara, durante le quali Pier Paolo dimostrava, tra l'altro, discrete doti di calciatore. (Mario Rosati)

Il Centro Habitat Mediterraneo LIPU di Ostia ed i Parchi Letterari Pier Paolo Pasolini

Il Centro Habitat Mediterraneo LIPU di Ostia, nato come proposta alternativa ad un devastante oceanario (sorta di zoo-lager per animali che avrebbe cementificato l'intera foce del Tevere per lasciare spazio a diseducativi spettacoli con orche, squali e delfini), dopo una difficile battaglia portata avanti dalla LIPU di Ostia a metà anni '90, è stato successivamente integrato dalle pubbliche amministrazioni al nuovo Porto Turistico di Roma, con, tra l'altro, un'importante funzione di mitigazione e compensazione ambientale.

Oggi il CHM, ampio 20 ettari ed in fase di raddoppio territoriale, comprende già una riuscitissima ricostruzione ambientale di uno stagno, nel quale, tra una lussureggiante vegetazione acquatica, ripariale e di macchia mediterranea, sono già state censite ben 200 specie di uccelli, con specie nidificanti rarissime come l'airone rosso (qui presente con la più importante colonia nidificante del Lazio).

Un sentiero natura consente di raggiungere 3 capanni in legno per l'osservazione degli uccelli, mentre un'accogliente aula didattica all'aperto permette di svolgere suggestive lezioni a pochi metri dallo stagno e l'ampio centro visite Mario Pastore ospita iniziative culturali, di sensibilizzazione e ricerca, oltre alle classiche iniziative di volontariato della LIPU.

In tale contesto, dopo essere stato per decenni abbandonata all'incuria, anche l'area in cui Pasolini venne  ucciso è stata progressivamente recuperata dai volontari dell'associazione, dapprima con un'accurata bonifica e successivamente con la realizzazione del "giardino letterario Pier Paolo Pasolini", comprendente il rifacimento della stele di Mario Rosati e la realizzazione di percorsi bibliografici e letterari (realizzati grazie all'intervento del Comune di Roma).Se per decenni il degrado aveva reso impossibile rendere omaggio all'artista, da qualche anno, grazie alla costante opera di manutenzione promossa dai volontari LIPU,  è così possibile ricordare Pasolini in un luogo restituito alla natura.

Parallelamente, i più recenti "Parchi Letterari Pier Paolo Pasolini", rappresentano un'istituzione culturale finalizzata alla valorizzazione dei luoghi d'ispirazione dell'autore ed alla promozione di uno sviluppo sostenibile del territorio, attraverso eventi e manifestazioni di varia natura, accomunati dall'utilizzare l'opera di Pasolini quale originale chiave di lettura.

Per informazioni: CHM LIPU OSTIA - email: chm.ostia@lipu.it

 
Autore: Nino Villani
Commenta l'articolo
Username
Email
Web
Voto (1) (10)
Commento
Codice Sicurezza
Digitare Codice Sicurezza
  Invia

I VOSTRI COMMENTI
© Copyright OstiaTV S.r.l. Ostia TV News iscr. trib. di Roma n° 197/2010 - direttore responsabile: Silvia Tocci