13/02/2016

L’ANGOLO DELLA POESIA – ‘Mamma Roma’ di Gaetano Di Staso

Inserito in: Arte
‘Lettera aperta’ in vernacolo romanesco composta alla luce degli ultimi avvenimenti politici “dove tutto è il contrario di tutto: un pensiero dedicato alla mia città, Roma, un grande amore, un amore intenso vissuto nelle periferie, tra gente semplice”

Ostia - Gaetano Di Staso, un cittadino residente a Ostia antica impegnato nel comitato di quartiere Ostia antica-Saline e nell’associazione ‘Salviamo Ostia antica’, invia a Ostia Tv una ‘lettera aperta’ in vernacolo romanesco composta, come ci spiega, alla luce degli ultimi avvenimenti di “questi giorni di politica convulsa, dove tutto è il contrario di tutto”.

“Dopo le ultime ‘sferzate’ politiche, le indecisioni, le proposte di candidature alla poltrona di sindaco di Roma mi sento, da cittadino consapevole, di riproporre un pensiero dedicato alla mia città, Roma, un grande amore, un amore intenso, vissuto nelle periferie, tra gente semplice, ma di grande forza intellettuale e morale”, spiega.


Questo il testo della lettera-poesia:

"Mamma Roma"

Bongiorno a te, madre mia, bongiorno a te che te risvej dar torpore notturno. Pora mamma Roma, quanto sei bella, ma quanto te stanno a spreme, dopo secoli ancora ciai la forza de sopporta' er male che te stanno a fa'. Pora mamma mia, tanno ridotto a na serva, serva e schiava der potere, serva e schiava da politica, serva e schiava de li palazzinari, oramai n'un te se riconosce più, sei solo nammensa distesa de cemento, de miseria, de monnezza e de degrado....


Pora mamma Roma, me ta ricordo nell'anni de la giovinezza mia, dove passato l'arco de San Giovanni, eri na distesa de verde, e de pinete, dove l'aria era pura, dove a gente, puro co la fame se voleva bene, saiutaveno l'uno co l'artro, dove la periferia era vive all'aria aperta, do lì ragazzini scorrazzaveno pe li prati, con na palletta, e n'pezzo de legno pe gioca' a "nizza" dove tutto era quello che sembrava. Pora mamma Roma mia, andò stai??


Continui a esse serva e schiava da politica, (brutta cosa) dei faccendieri, dei malavitosi, dei mafiosi e dei palazzinari, che se so magnati prati, pinete e n'mmensi spazi de verde. Ciao mamma Roma, n'un te lascia' anna', difenni l'orgoio tuo, tira fora la grande matrona che sei stata, tira fora l'orgojo imperiale che ta fatto conquista' er monno, anche se, lo capisco, mamma mia, "er lupo perde pelo, ma n'un perde er vizio" Na massima politica me aritorna spesso a la mente, riguardo a li padroni tua, passati, presenti e futuri, pora Roma mia, ma aricordo che dice così: "Cambieranno l'attori, le comparse, i leccaculo, ma se n'un se cambia er copione, se n'un se gira paggina, a sorfa, a rimane e arimara' sempre a stessa" Roma mia continuerai a esse serva e schiava, da politica, da mafia, dei faccendieri e dei palazzinari.... Pora Mamma Roma mia........ (Arivera'er giorno der riscatto, arivera'!!!)”.


 
Autore: Maria Grazia Stella
Commenta l'articolo
Username
Email
Web
Voto (1) (10)
Commento
Codice Sicurezza
Digitare Codice Sicurezza
  Invia


I VOSTRI COMMENTI
Seguici su Facebook
© Copyright OstiaTV S.r.l. Ostia TV News iscr. trib. di Roma n° 197/2010 - direttore responsabile: Silvia Tocci