15/09/2009

LAZIO A TUTTO CAMPER. GIÀ FINANZIATI DALLA REGIONE I PROGETTI PER AREE DI SOSTA A GRECCIO (RI), PICINISCO (FR) E RIOFREDDO (RM)

Inserito in: Archivio

Ass. Claudio Mancini

Al piano-camper finanziato con 1 milione e mezzo di euro, spiega ancora l’assessore al Turismo della Regione Lazio, Claudio Mancini, si aggiungono poi altri progetti avviati dalla Regione Lazio nell’ambito degli interventi finanziati con un apposito fondo dedicato ad ampliare l’ospitalità di proprietà pubblica sull’Appennino del Lazio. Grazie a questa iniziativa, 185 mila euro sono già stati destinati al Comune di Greccio (in provincia di Rieti) per la realizzazione di un’area di sosta per camper, roulotte e tende, su di un’area di 8.700 metri quadri, in località Case Rossi. Un’altra area di sosta sarà finalmente riqualificata e resa realmente accessibile a Picinisco (in provincia di Frosinone), sul versante laziale del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. A questo Comune infatti sono stati destinati 290mila euro del Fondo per l’Appennino per la realizzazione di vari interventi, tra i quali, appunto, quello per l’area di sosta nella località di Prati di Mezzo, l’adeguamento di 3 rifugi montani e di un ostello gioventù, ma anche la riqualificazione del campeggio “Forestelle”, che dagli attuali 120 posti passerà a circa 200 posti. Con un finanziamento di 45 mila euro al Comune di Riofreddo (in provincia di Roma), invece, nel giro di 4 mesi sarà completata un’area attrezzata per camper. Agli interventi strutturali si affiancano le attività di promozione turistica e a sostegno della crescita dell’offerta turistica legata al prodotto verde e natura. Prossimo appuntamento in vista, l’iniziativa “Plein Air – un’occasione per lo sviluppo del territorio”, voluta dall’Assessorato al Turismo e organizzata da Sviluppo Lazio, che si svolgerà tra il 9 e l’11 ottobre a San Donato Val di Comino (in provincia di Frosinone). In programma, un educational per gli operatori del settore, un press tour rivolto alla stampa di settore e un convegno, con il coinvolgimento di tutti gli enti locali. L’obiettivo: favorire la conoscenza dell’offerta turistica, delle bellezze naturali e dei prodotti tipici delle località e dei vecchi borghi a ridosso dell’Appennino, che la Regione Lazio rilancia all’attenzione del turismo itinerante.  “Il progetto della Regione Lazio, per dimensione e per impegno strutturale, è il primo in assoluto nel sistema turistico italiano. L’intuizione avuta dall’assessore al Turismo della Regione Lazio nel puntare sulle potenzialità del turismo della mobilità dà l’avvio a un piano che guarda molto avanti e serve a riscoprire le energie nascoste di tante località, che in questo modo diventano raggiungibili dal turismo escursionistico. I luoghi in cui sorgeranno le aree diventeranno dei veri incubatori del turismo ambientale e stimoleranno l’interesse della domanda, ma anche la creazione di nuova offerta turistica da parte dei piccoli Comuni”, sottolinea il direttore responsabile della rivista “Plein Air”, Raffaele Jannucci. Soddisfazione per l’iniziativa arriva anche dal presidente della Federazione Nazionale A.C.T. (Associazione Campeggiatori Turistici) Italia, Pasquale Zaffina: “Questo è un settore di cui mi occupo da sempre, ma che negli anni ha visto realizzare ben poche aree di sosta, a causa della mancanza di fondi. Adesso, grazie all’impegno fattivo dell’Assessorato al Turismo della Regione Lazio, riusciamo finalmente a vedere un grande traguardo”. “È con grande piacere che accogliamo il programma della Regione Lazio per incentivare il settore caravanning e per il turismo itinerante. È in questa stessa direzione che vanno gli interventi portati avanti da APC-ANFIA con il Bando rivolto ai comuni italiani, attraverso il quale mettiamo a disposizione un contributo annuale di 50mila euro per supportare la realizzazione di aree di sosta di qualità”, aggiunge il vicepresidente dell’Associazione Produttori Camper-ANFIA, Mauro Guglielmini.

 
Autore: redazione
Commenta l'articolo
Username
Email
Web
Voto (1) (10)
Commento
Codice Sicurezza
Digitare Codice Sicurezza
  Invia

Commento di Maurizio Moretti


Sono stato in Germania, la sosta Camper è una opportunità di lavoro per i Comuni, in Italia sono trattati come accattoni. Niente cimento, consumi di gasolio simili ad un auto, propensione netta al turismo, massima publicità turistica. Eppure gli albergatori, ancora pensano in questo modo di perdere Clienti?! Andate in un sito che parla di camper sosta in Europa....

25/9/2009 17:00

I VOSTRI COMMENTI
Seguici su Facebook
© Copyright OstiaTV S.r.l. Ostia TV News iscr. trib. di Roma n° 197/2010 - direttore responsabile: Silvia Tocci