24/03/2019

Fiumicino, Ladispoli, Anguillara: strizzare l’occhio al fascismo rischia di acuire odio e tensione

Inserito in: Politica
Califano: “La marcia su Fiumicino da parte dei nuovi repubblichini 3.0 seppur ridicola nei numeri e nelle motivazioni, non va sottovalutata”

Fiumicino - La marcia su Fiumicino da parte dei nuovi repubblichini 3.0 seppur ridicola nei numeri (i manifestanti erano davvero pochi pochi) e nelle motivazioni, non va sottovalutata, tutt’altro. Qui il problema non è solo chi ha permesso lo svolgersi della manifestazione: il ministro dell’Interno che dice a riguardo?

La cosa assurda è che ancora oggi ci sia qualcuno che inneggi a un regime che ha seminato rancore e violenza raccogliendo morte e fame. Ecco credo sia arrivato il momento per tutti di prendersi le proprie responsabilità. In primis chi, per motivi prettamente elettorali e per proprio tornaconto, continua a strizzare l’occhio al fascismo e ai suoi non valori.

Il vile attacco contro la sede Pd di Anguillara Sabazia e le minacce al sindaco di Ladispoli Grando per l’intitolazione di via Almirante dimostrano che dare corda ai fascismi di oggi rischia di provocare e acuire una tensione sociale che invece va combattuta in maniera diametralmente opposta e che soffiare sulle paure e sull’odio è dannoso e pericoloso.

Dall’altro anche noi dobbiamo rimboccarci le maniche e impegnarci ancora di più per far capire ai nostri giovani quali siano stati i fallimenti di un regime che ha distrutto il nostro Paese. Al sindaco di Fiumicino Esterino Montino va tutta la mia stima e la mia vicinanza. Questa città negli ultimi 6 anni è cresciuta come non mai e la sua rielezione lo scorso giugno sta lì a dimostrare che Fiumicino è con lui.

Così in una nota la consigliera regionale Michela Califano.
 
Autore: redazione
Commenta l'articolo
Username
Email
Web
Voto (1) (10)
Commento
Codice Sicurezza
Digitare Codice Sicurezza
  Invia

I VOSTRI COMMENTI
Seguici su Facebook
Media Partners
RomaToday
© Copyright OstiaTV S.r.l. Ostia TV News iscr. trib. di Roma n° 197/2010 - direttore responsabile: Silvia Tocci