08/12/2012

Abeti di plastica per risparmiare: a natale la crisi coinvolge anche questi simboli

Inserito in: Commercio
Nel giorno dell’Immacolata, tradizionalmente dedicato alla decorazione del classico albero, molti avranno recuperato dai rispostigli quelli made in China, più economici di quelli naturali. Lo rivela la Coldiretti su dati della Confederazione italiana agricoltori

Albero di natale

Ostia – Nel giorno dell’Immacolata, tradizionalmente dedicato all’addobbo dell’albero di natale, si fa sentire la crisi, come rivela Coldiretti.

 

 

Se quest'anno la metà delle famiglie non rinuncerà all'albero e agli addobbi, sono sempre di più quelli che tireranno fuori dalla soffitta gli abeti di plastica dell'anno prima. Meno romantici, ancor meno ecologici e soprattutto quasi mai «made in Italy», visto che in più di 8 casi su 10 provengono dalla Cina.

 

 

 

Eppure sostituiscono nel 50% dei casi l'albero della tradizione, quello 'vero', per cui si stima che quest'anno gli acquisti caleranno del 15%. Sono dati forniti dalla Confederazione italiana agricoltori, sulla base di un'indagine sul territorio.

 

 

Secondo il rapporto della Cia, inoltre, l'82% delle famiglie si orienta su esemplari economici, spendendo mediamente tra i 20 e i 50 euro per i 'naturali' e tra i 10 e i 35 per i sintetici. Solo un 12% è disposto a superare i 50 euro per ospitare nel proprio salotto alberi più ingombranti ed evidenti, che superino almeno i 140 centimetri.

 

Mentre a concedersi il lusso di superare i due metri di altezza sono solo il 6% degli italiani, che arrivano a destinare tra i 200 e i 250 euro per quelli di plastica e più di 300 per quelli veri.

 

 (confederazione italiana agricoltori)

 
Autore: Maria Grazia Stella
Commenta l'articolo
Username
Email
Web
Voto (1) (10)
Commento
Codice Sicurezza
Digitare Codice Sicurezza
  Invia


I VOSTRI COMMENTI
Seguici su Facebook
© Copyright OstiaTV S.r.l. Ostia TV News iscr. trib. di Roma n° 197/2010 - direttore responsabile: Silvia Tocci