28/01/2017

Ponte Vittorio, aspirante suicida salvato dalla polizia dopo un’ora di trattativa

Inserito in: Cronaca
Il ragazzo, convinto da un poliziotto entrato in empatia con lui, alla fine si è lasciato aiutare a mettersi in salvo. Le centinaia di persone presenti hanno applaudito per la conclusione positiva della drammatica vicenda

Roma - È durata più di un’ora l’opera di persuasione della Polizia di Stato per convincere un ragazzo a non lanciarsi nel Tevere da ponte Vittorio Emanuele II. Numerose le segnalazioni giunte al 112 –Numero unico delle emergenze-. I primi equipaggi hanno capito che il ragazzo, che aveva scavalcato il parapetto ed era già con il corpo sospeso nel vuoto, non accettava nessun tipo di dialogo, per cui hanno deciso di chiudere al transito veicolare e pedonale l’intero ponte così da poter “lavorare con più calma”.

La sala operativa della Questura ha allertato la polizia fluviale alla quale si è affiancata una pilotina dei Vigili del Fuoco. Un poliziotto del commissariato Castro Pretorio, è entrato in empatia con l’aspirante suicida, riuscendo così a guadagnarne la fiducia; dopo più di un’ora il poliziotto è riuscito a convincere il ragazzo a lasciarsi mettere in salvo. Il poliziotto, con il prezioso aiuto dei Vigili del Fuoco, ha riportato il giovane sul marciapiede tra gli applausi delle centinaia di persone che dal lungotevere hanno assistito alla scena; poi, come gli aveva promesso, è stato accompagnato all’ospedale con la volante.
 
Autore: Maria Grazia Stella
Commenta l'articolo
Username
Email
Web
Voto (1) (10)
Commento
Codice Sicurezza
Digitare Codice Sicurezza
  Invia




I VOSTRI COMMENTI
Seguici su Facebook
Media Partners
RomaToday
© Copyright OstiaTV S.r.l. Ostia TV News iscr. trib. di Roma n° 197/2010 - direttore responsabile: Silvia Tocci