28/01/2017

Ostia, Sinistra italiana sez. Berlinguer: “Al lavoro per una sinistra dialogante”

Inserito in: Politica
Venerdì 27 gennaio l’incontro presso il parco lido per riflettere su sinistra e democrazia con il professor Prospero

 Ostia – “Ieri, 27 gennaio, alle 18, presso il parco lido, Un centinaio di persone a riflettere su sinistra e democrazia con il professor Prospero. Un momento intenso di riflessione organizzato dalla sezione Berlinguer di Sinistra Italiana (Ostia). Introduce il coordinatore Roberto Ribeca contestualizzando la riflessione nella democrazia interrotta del X municipio, richiamando la battaglia in atto per tornare al voto, non distante dalla più ampia crisi della democrazia e della capacità rappresentativa dei partiti.

"È ancora tempo di democrazia?" , chiede Mirella Arcamone dalla presidenza dell'Assemblea. Di rappresentanza. Di mediazione politica, nel tempo del populismo? Davvero non ci sono più sinistra e destra, come il populismo pentastellato vuol lasciare intendere, chiede Giuseppe Romeo. Seria. Competente la ricostruzione di Prospero. C'è bisogno della sinistra per recuperare la funzione politica rispetto al capitale. Serve la politica, che ha lasciato fare prima ai tecnici e poi ai "comici" . La crisi è stata creata dal liberismo, che ha considerato lo stato e i diritti un peso per il mercato ed il profitto. Lo stesso liberismo oggi orienta la soluzione verso l'odio per l'altro, versi il protezionismo . Di sinistra ce n'è bisogno per riformulare cose antiche. Ceti popolari, lavoro, rappresentanza dei diritti. Questo il compito per salvare la democrazia. Come sezione, mentre ci si prepara a vivere il congresso fondativo, dichiara il coordinatore Ribeca "siamo impegnati a costruire una sinistra dialogante, di governo, senza sconti sui nostri valori fondanti"”. Lo comunica in una nota Sinistra italiana sezione Berlinguer X Municipio.
 
Autore: redazione
Commenta l'articolo
Username
Email
Web
Voto (1) (10)
Commento
Codice Sicurezza
Digitare Codice Sicurezza
  Invia

Commento di evian


. Su questa affermazione nutro dei dubbi. Io penso che il liberismo sia favorevole alla immigrazione e al lbero mercato anche della forza lavoro. Il populismo, termine dispregiativo inventato ad hoc, nasce dal disagio profondo prodotto da capitalismo che sollecita e vuole l'immigrazione la quale offre per esso due vantaggi paralleli e sincronizzati: libera dalle poplazioni orignarie immensi suoli e immense risorse, incrementa l'esercito industriale di riserva. Purtroppo a sinistra non si fanno più analisi marxiste. E la sinistra rimane minima, povera, disarmata. Quasi inutile.

30/1/2017 04:00
I VOSTRI COMMENTI
Seguici su Facebook
Media Partners
RomaToday
© Copyright OstiaTV S.r.l. Ostia TV News iscr. trib. di Roma n° 197/2010 - direttore responsabile: Silvia Tocci