18/06/2010

EDITORIA, SABATO ALLA BIBLIOTECA ELSA MORANTE DI OSTIA LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO “IL DELTA CHE NON C’ERA”

Inserito in: Archivio

Alla ricerca delle origini del territorio del litorale romano, di Ostia e del suo entroterra e delle aree limitrofe come quella di Vitinia attorno alla quale, sono stati trovati negli anni scorsi, importanti reperti risalenti all’età paleolitica. Questo ed altro è il volume “Il Delta che non c’era”. Una pubblicazione didattica sulla storia geologica del litorale romano. Il testo sarà presentato sabato 19 giugno alle ore 10, alla biblioteca comunale Elsa Morante, in via Cozza ad Ostia.

Sarà un’occasione per ripercorrere la storia di una Ostia per lo più sconosciuta ai più, che ripercorre le fasi che risalgono addirittura a 600mila anni fa. Numeri che ben spiegano l’importanza di questo testo. E poi ancora ecco lo studio della flora e della fauna del posto, il problema dell’erosione della spiaggia, l’importanza del fiume Tevere per la zona e tutte le trasformazioni che si sono susseguite. L’idea è dell’associazione naturalistica “Plinio”, che da anni si occupa di ricerca e di storia legati in modo particolare al territorio del litorale. Ad introdurre il libro, Rita Pastore Praturlon (Associazione Plinio). Interverranno, Anastassios Kotsakis (università Roma Tre) Francesco Zarlenga (Enea), Piero Bellotti (università La Sapienza), Maria Gabriella Villani (Centro di educazione ambientale di castelfusano), Paolo Parlagreco (Centro sociale polivalente di Casal Palocco).

 

Autore: Lorenzo Nicolini
Commenta l'articolo
Username
Email
Web
Voto (1) (10)
Commento
Codice Sicurezza
Digitare Codice Sicurezza
  Invia

Commento di FlavioC


Piero Bellotti è veramente un benemerito dello studio sul nostro territorio. Già nel 1985 collaborò con il mio studio di architettura per alcuni eventi culturali sui temi della forma del delta e sullo sviluppo del territorio.

22/6/2010 11:18
I VOSTRI COMMENTI
© Copyright OstiaTV S.r.l. Ostia TV News iscr. trib. di Roma n° 197/2010 - direttore responsabile: Silvia Tocci