17/07/2017

Brucia la pineta di Castelfusano: chiusa la Cristoforo Colombo

Inserito in: Cronaca
Arrestato un giovane sorpreso mentre incendiava alcuni fazzoletti di carta. Almeno due i roghi divampati nella zona della Villa di Plinio e di Castelporziano: le fiamme stanno divorando estese aree della pineta. Il traffico da Ostia in direzione Roma dirottato sulla via del Mare. Sul posto i vigili del fuoco, la protezione civile, i carabinieri. Gasparini: “Situazione gravissima che ricorda il drammatico incendio del 2000”. Bordoni: “L'Amministrazione dei 5 Stelle ancora non ha aggiornato il Piano di emergenza del Comune alle nuove linee guida regionali, piano che è fermo al 2008”

17 luglio 2017

Ostia – La pineta di Castelfusano continua a bruciare. Nel momento in cui scriviamo le fiamme stanno divorando la pineta sia nella zona della Villa di Plinio sia sul lato di viale del Lido di Castelporziano. Lo scenario che si presenta, con le enormi colonne di fumo nero che si levano nel cielo, è agghiacciante. I focolai, da quel che si apprende in base alla loro dislocazioni, interesserebbero quattro punti diversi.

“La devastazione, commenta Andrea Gasparini, portavoce del neonato ‘Comitato per la tutela della Riserva naturale statale del litorale romano’, “è paragonabile a quella conseguente all’immenso rogo che avvolse la pineta nel 2000. L’incendio del 2 luglio scorso, al confronto di quanto sta avvenendo adesso, è roba da poco. Ancora – sono le 16.30, ndr – non si sono visti i Canadair ma solo gli elicotteri. Inadeguate le autobotti previste dal comune: la situazione è gravissima. Occorreranno almeno 50 anni perché si riformi la vegetazione”.

I vigili hanno provveduto a chiudere la Colombo, non percorribile da Ostia fino a Casalpalocco. Per raggiungere dal litorale la Capitale resta la via del Mare o la Roma-Fiumicino. Sul posto sono intanto intervenuti i vigili del fuoco, la protezione civile, i forestali e i carabinieri con gli elicotteri. Giunti anche i Canadair.

"Roma non smette di bruciare. Nella giornata di ieri ci sono stati 180 roghi. Anche oggi vengono segnalati decine di incendi o focolai a rischio. Qui non è più un'emergenza ma sfioriamo lo stato di calamità. Roghi sul litorale nord, sud e a Ostia. Ancora a Roma est e Roma Nord. Non facciamo altro che denunciare le stesse inadempienze da mesi, senza avere una risposta concreta da parte della Giunta, se non dichiarazioni di straordinaria normalità”, dichiara Davide Bordoni, capogruppo capitolino di Forza Italia.

“Mancata manutenzione del verde, mancanza di organico che controlla le aree, mancata organizzazione della Protezione Civile, ossia nomina del direttore e fondi straordinari. Di oggi pomeriggio l'appello di Raniero Maggini, Presidente del Wwf Roma, che ha denunciato le scarse risorse rese disponibili che incidono sulla tutela e controllo del territorio. La Capitale è stata investita, negli ultimi due mesi, da centinaia di roghi che stanno distruggendo il territorio e mettono a rischio la sicurezza e salute dei cittadini”, prosegue. “Si è sviluppato anche un incendio vicino all'ospedale Sant'Andrea. L'Amministrazione dei 5 Stelle ancora non ha aggiornato il Piano di emergenza del Comune alle nuove linee guida regionali, piano che è fermo al 2008. Non basta ringraziare i vigili del fuoco e tutti coloro che stanno cercando di arginare le fiamme, ma bisogna sostenerli con aiuti economici e pratici”, conclude Davide Bordoni.

Alcune abitazioni in via del Martin pescatore sono state evacuate. La sindaca Virginia Raggi è arrivata sul posto per accertarsi della situazione. 

La Regione Lazio alle 17.56 ha comunicato: “Nella giornata di oggi si è verificato un vasto incendio nel comune di Roma nella zona della Pineta di Castel Fusano. L’Agenzia Regionale di Protezione Civile del Lazio sta intervenendo nelle operazioni di spegnimento con cinque elicotteri, un canadair, sei autobotti e venti squadre tra operatori e volontari in collaborazione con i Vigili del Fuoco. Si ricorda che per ogni emergenza è possibile fare riferimento alla Sala Operativa Permanente al numero 803.555''.

“Sono mesi che chiediamo attraverso il nostro Capogruppo in Campidoglio un concreto impegno della Giunta per la prevenzione degli incendi. A causa della mancata manutenzione del verde, della carenza di controllo delle aree, della inadempienza nella organizzazione della Protezione Civile, di cui ancora non è stato nominato il Direttore e per cui non sono stati stanziati sufficienti fondi, la situazione è più grave del previsto. Basti pensare che le risorse che controllano l’area incendiata di Castel Fusano sono oggi meno della metà. Abbiamo chiesto anche un impegno del Sindaco affinché si coinvolga l’Esercito per tutelare il polmone verde della Capitale, senza ottenere risposta. Cosa aspetta la Raggi ad intervenire in modo più deciso? Rimarrà come Nerone a vedere Roma bruciare o finalmente metterà tutto quanto di sua competenza in campo per arginare il fenomeno?”. Lo dichiara il Coordinatore ed ex Consigliere di Forza Italia in X Municipio Mariacristina Masi.

La Guardia ecozoofila nazionale di Ostia sta mettendo in sicurezza i cavalli che si trovavano in via del Circuito, zona interessata dal rogo, e li sta trasferendo nei maneggi di Ostia antica. 


"Alla Sindaca Raggi dico che quello di Castelfusano e' un disastro ambientale annunciato, ovvero la cronaca di una morte annunciata" lo dichiara il leader dei Verdi Angelo Bonelli che aggiunge:" da settimane la pineta ha subito roghi dolosi per mano di criminali invece di intensificare i controlli 24 ore su 24, chiedere lo spostamento fisso di un elicottero della protezione civile la sindaca ha sperato nella buona sorte che si è trasformata in mala sorte. " Il comune di Roma e' la centrale operativa degli incompetenti" conclude Bonelli.

A quanto si apprende i carabinieri hanno fermato un giovane sospettato di aver appiccato l'incendio, almeno uno di quelli divampati nel pomeriggio, nella pineta di Castelfusano, poco lontano dalla tenuta estiva del presidente della Repubblica. Gli uomini dell'Arma lo hanno notato mentre incendiava alcuni fazzoletti di carta e alla vista dei militari avrebbe tentato di nascondersi. 

"In questi momenti drammatici voglio ringraziare l'operato della Protezione Civile, dei Vigili del Fuoco, dei volontari, degli addetti alla Sala operativa del 112 e delle Forze dell'Ordine per l'ottimo lavoro svolto, per ultimo nell'incendio di Castel Fusano e in generale in queste settimane molto impegnative sul fronte degli incendi. A loro va la nostra più sentita gratitudine". Lo dichiara nella serata di lunedì 17 luglio in una nota il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.
 
Autore: Maria Grazia Stella
Commenta l'articolo
Username
Email
Web
Voto (1) (10)
Commento
Codice Sicurezza
Digitare Codice Sicurezza
  Invia

I VOSTRI COMMENTI
Seguici su Facebook
Media Partners
RomaToday
© Copyright OstiaTV S.r.l. Ostia TV News iscr. trib. di Roma n° 197/2010 - direttore responsabile: Silvia Tocci